Progetto Grafico

Progetto grafico 32

Qui, altrove

a cura di
Serena Brovelli, Claude Marzotto, Silvia Sfligiotti

In questo numero di «Progetto grafico» ci proponiamo di indagare le diverse modalità in cui la relazione tra un «qui» e un «altrove» – di volta in volta punto di partenza e destinazione, fonte e rielaborazione, lingua madre e straniera… – si dispiega all’interno della comunicazione visiva, alimentando processi di trasposizione a livello di forme e contenuti, codici, stili, media e contesti.


Here, elsewhere

edited by
Serena Brovelli, Claude Marzotto, Silvia Sfligiotti

In this issue of Progetto Grafico we aim to investigate the different ways in which the relationship between a here and an elsewhere – both starting points and destinations, sources and reworked versions, mother tongue and foreign language ... - unfolds within visual communication, fostering transposition processes of form and content, codes, styles, media and contexts.



Sommario / Table of Contents


Ester Greco
Il cross-cultural design di Henry Steiner: un armonioso incontro tra Oriente e Occidente
Henry Steiner ha dato avvio al discorso sul cross-cultural design, attraverso una pratica progettuale che ha rielaborato caratteri, simboli ed elementi culturali locali cinesi trasponendoli in una dimensione più internazionale.

The cross-cultural design of Henry Steiner: a harmonious encounter between East and West
Henry Steiner introduced the discourse on cross-cultural design, re-working Chinese characters, symbols and local cultural features and transferring them to a more international dimension.


Intervista a Huda Smitshuijzen AbiFares di Silvia Sfligiotti
Tracce nomadi
Un progetto che riunisce designer e artisti arabi e europei per realizzare caratteri e oggetti che rendono omaggio alla ricchezza della tradizione marocchina attraverso le sue diverse scritture.

Interview with Huda Smitshuijzen AbiFares by Silvia Sfligiotti
Nomadic Traces
A project bringing together Arab and European designers and artists to create typefaces and objects celebrating the richness of Moroccan heritage through its scripts. 


Emilio Patuzzo – Salvatore Zingale
Il progetto delle forme
Modelli semiotici per il designer-traduttore

Designing forms
Semiotic models for the designer-translator


Federico Antonini
Lost & gained in translation
Le tante vite di La Jetée di Chris Marker

Lost & gained in translation
The many lives of Chris Marker’s
La Jetée  


Chiara Barbieri – Davide Fornari
I caratteri perduti di Xanti Schawinsky: dal Bauhaus all’Italia
Due caratteri tipografici inediti disegnati da Xanti Schawinsky negli anni Trenta raccontano come le migrazioni dei grafici hanno contribuito a disseminare le idee del Bauhaus e a mescolare le «scene» della grafica.

The lost typefaces of Xanti Schawinsky: from the Bauhaus to Italy
Two previously unknown typefaces designed by Xanti Schawinsky in the Thirties show how migration of graphic designers helped spread the ideas of the Bauhaus and shuffle the cards of graphic design.


Laura Bortoloni
Nuove immagini per divulgare


Cosa succede alla comunicazione della scienza nell’era dello storytelling transmediale

New images for popularizing and sharing knowledge
What is happening to science communication in the era of transmedial storytelling


Giorgio Ruggeri
La storia digitale è [anche] una questione di design
Quali forme può assumere la narrazione storica nel web? Come trasformare dati del passato in esperienze online? I progetti di storia digitale estendono il campo della comunicazione visiva verso terreni ancora poco esplorati.

Digital history is [also] a matter of design
What forms can history telling take on the Internet? How can information from the past be turned into online experiences? Digital history projects expand the field of visual communication towards uncharted territories.


Maria Rosaria Digregorio
NUM3R1 / NUM3R4L5
Una ricostruzione ipotetica e parziale dell’evoluzione del concetto di numero e dei relativi sistemi di visualizzazione, dalla preistoria all’intelligenza artificiale.

NUM3R1 / NUM3R4L5
A hypothetical and partial reconstruction of the evolution of the concept of number and its visualization systems, from prehistory to artificial intelligence.


Mauro Tosarelli
Lettere dal carcere
Il ruolo della comunicazione segreta palestinese nelle carceri israeliane

Letters from jail
The role of secret Palestinian communication in Israeli jails


Friends Make Books (Joe Miceli e Lina Ozerkina)
Traduzione, Risografia, Materialismo

Translation, Risography, Materialism


Davide Fornari
Chaîne graphique: un’esplorazione del flusso di lavoro
Chaîne graphique, letteralmente «flusso di lavoro», è un’espressione normalmente usata nel mondo della grafica per indicare le operazioni e i professionisti coinvolti nella produzione di artefatti visivi dall’idea alla finalizzazione. Un processo al centro di un progetto di ricerca dello studio Maximage.

Chaîne graphique: exploring the workflow
Chaîne graphique, literally ‘workflow’, is an expression normally used in the graphic design world to define all the processes and people involved from concept to finalization of a visual artefact. This process is at the center of a research project by Maximage studio.


Claude Marzotto – Maia Sambonet
Out of sync.
 Alterazioni spazio-temporali tra figura e sfondo
Piccola fenomenologia degli effetti di prossimità, distanza e dislocazione all’interno dell’immagine fotografica

Out of sync.
 Alterations in space and time between figure and background
A brief phenomenology of the effects of proximity, distance and displacement in photography



Fuori Tema // Off Topic

Federico Novaro
«Handkerchief»: una non rivista sull’omofobia che sfida le norme dell’editoria
«Handkerchief» è una rivista fondata da cinque studenti dell’ISIA di Urbino e dedicata al contrasto dell’omofobia: ha ricevuto il premio della giuria agli European Design Award 2016 per il suo impatto sociale.

Handkerchief: a non-magazine about homophobia that challenges standard editorial practices
Founded by five students at ISIA in Urbino,
Handkerchief is a magazine that stands up to homophobia. It won the Jury Prize at the European Design Awards 2016 for its social impact. 


Tommaso Trojani
Designer, un carattere «profumato»
Symbol è il carattere tipografico che rappresenta la rivalsa di Aldo Novarese sul gruppo di grafici riunito per supervisionare l’operato dello studio artistico Nebiolo a partire dal 1965.

Designer, a “fragrant” type
The typeface Symbol helped Aldo Novarese get satisfaction when in 1965 a group of graphic designers were enrolled to supervise the Nebiolo art studio.

 

apri

Progetto grafico 32 | Qui, altrove / Here, elsewhere

links:



Aiap
via Ponchielli, 3
20129 Milano

18 dicembre 2017

Cerca:


AIAP facebook page AIAP youtube channel