Notizie

cerca

Pino tovaglia, la regola che corregge lemozione

Dal 19 gennaio 2005 al 2 aprile 2005 Aperto da marted al sabato, dalle 14.00 alle 19.00 Inaugurazione 19 gennaio 2005 ore 18.00 [b]Art Book[/b] via Ventura 5 Milano MM Lambrate - Bus 54 [page=/libreria.php?ID=167][b]Acquista il catalogo della mostra[/b][/page] Dopo la retrospettiva curata dall'AIAP nel 1984 a Bologna questa mostra colma il vuoto di vent'anni che circonda la figura di questo grande progettista italiano della comunicazione visiva. Scelti nellarchivio inedito e sterminato del designer la mostra espone i pezzi pi rappresentativi di un percorso professionale e di vita che attraversa la storia di Milano e dell'Italia. Pino Tovaglia, milanese autodidatta, inizia giovanissimo a interessarsi alla grafica e alla fotografia: dal 1952 affianca alla sua attivit di grafico quella didattica insegnando prima al Castello e alla Scuola Umanitaria e poi alla Scuola Politecnica di Design. Negli anni '60 tra i fondatori dello studio CNTP (con Confalonieri, Ilio Negri e Michele Provinciali). La sua opera grafica sempre stata legata alla ricerca sul segno e sulla fotografia come il lavoro che dal 1954 svolger per Finmeccanica o come il progetto del marchio per la Regione Lombardia, realizzato insieme a Bob Noorda e a Roberto Sambonet, che sar insignito del premio compasso d'oro nel 1979. La produzione di Pino Tovaglia si accompagna alla crescita dell'impresa e della classe dirigente industriale italiane, da Pirelli a Fini, dalla RAI ad Alitalia. Fondatore e presidente dell'Art Director's Club di Milano, nel gruppo fondativo dell'Aiap nel 1955, membro dellADI, dal 1964, e dellAGI (Alliance Graphique Int.). Ottenne vari premi e riconoscimenti sia nel campo del graphic design che nell'advertising. Il lavoro di Pino Tovaglia rimane come traccia emblematica di un periodo dove arte e design procedevano in parallelo con scambi e, per dirla con Anceschi, "fertilizzazioni reciproche". Vedremo Tovaglia grafico e pubblicitario, product designer (per Alessi o Ghianda), illustratore, progettista degli spazi (con i Castiglioni), ricercatore (con Munari, Grignani, e altri), fotografo (con Ballo, Mulas, Becker), poeta concreto (con riconoscimenti illustri, da Accame a Spatola), type designer (alla Nebiolo, con Novarese e altri). Il catalogo, con contributi tra gli altri di Lupi, Anceschi, Dorfles, Iliprandi, edito da Edizioni Corraini, il risultato del workshop dedicato a Pino Tovaglia che Massimo Pitis e la Scuola Politecnica di Design - dove Tovaglia ha insegnato nella prima met degli anni 70 - hanno istituito nei mesi precedenti lapertura della mostra, e che ha coinvolto 42 studenti di 20 diverse nazionalit del master di visual design. In occasione della mostra, le Edizioni Corraini di Mantova riproporranno inoltre, allinterno del Box Corraini, presso Art Book Milano, il libro Giuseppe verde, giallo, rosso e blu di Pino Tovaglia, pubblicato per la prima volta nel 1973 nella collana Tantibambini curata da Bruno Munari per Einaudi. promossa da [b]Art Book[/b] Milano da unidea di [b]Massimo Pitis[/b] e [b]Maria Cristina Didero[/b] a cura di [b]Massimo Pitis[/b] con [b]Cristina Dell'Edera[/b] catalogo [b]Edizioni Corraini[/b] con il contributo di [b]Pirelli[/b], [b]Flos[/b], [b]Nava Design [/b] in collaborazione con la [b]Scuola Politecnica di Design[/b] con il patrocinio di [b]ADI[/b], [b]AIAP[/b] e [b]AGI[/b] video a cura di [b]Anna Sutor[/b] [i]Art Book Milano[/i] 02 21597624 339 5851.575 g.sala@artbookmilano.it [i]info[/i] 02 36534760 335 5620678 mariacristina.didero@fastwebnet.it


(19 gen 2005 )


 

apri



Aiap
via Ponchielli, 3
20129 Milano

19 dicembre 2018

Cerca:


AIAP facebook page AIAP youtube channel