Notizie

cerca

La grafica è là dove la cultura si fa editoria

Mostra di segnature monografiche sui protagonisti del design della comunicazione visiva progettate dagli studenti del biennio specialistico in graphic design—editoria dell’Accademia di Belle Arti di Catania

Nel 1989 ad Aosta, veniva presentata la Carta del Progetto Grafico, dichiarazione d’intenti dei professionisti della progettazione grafica, che palesava un modo di intendere la professione etico e culturalmente responsabile.

Il documento è stato redatto da un comitato composto da Giovanni Anceschi, Giovanni Baule e Gianfranco Torri espresso dalla commissione degli estensori formata Giovanni Anceschi, Giovanni Baule, Gelsomino D’Ambrosio, Pino Grimaldi, Giancarlo Iliprandi, Giovanni Lussu, Alberto Marangoni e Gianfranco Torri costituitosi ad Aosta in occasione della Preassemblea nazionale Aiap del 24 giugno 1989.

Composta da sette parti che illustrano i vari campi di intervento del progetto grafico, dalla comunicazione all’informazione, dall’editoria ai sistemi di trasporto, dalla politica alla scienza, la Carta del Progetto Grafico costituisce, ad oggi, l’unico manifesto unanimemente condiviso che specifica gli ambiti e la rilevanza del progetto grafico.

Il primo punto del documento così recita: «Noi osserviamo che il sistema della comunicazione e dell’informazione dispone oggi di una presenza generalizzata, di una diffusione capillare, di un assetto poderoso.
È l’industria della comunicazione e dell’informazione a porsi come traente nello scenario contemporaneo. Peraltro sono riscontrabili in parallelo inquietanti fenomeni di inquinamento visivo e di saturazione comunicativa, sintomi di un sistema in cui tecnologie e apparati, lontani dall’essere autosufficienti, sono bisognosi di direzioni, di scelte e orientamenti progettati.
La grafica è ormai una presenza trasversale.
Dove c’è comunicazione c’è grafica. Come la comunicazione essa è dappertutto. La grafica è là dove la cultura si fa editoria.
La grafica è là dove i sistemi di trasporto si stanno informatizzando.
La grafica interviene nell’assetto multimediale della politica.
La grafica è presente non solo nella divulgazione ma anche nella modellazione della scienza.
La grafica è in azione là dove il prodotto industriale interagisce con l’utilizzazione.
La grafica è nella grande distribuzione dove il consumatore incontra la merce.
La grafica è anche nello sport, nell’immagine delle grandi manifestazioni come nella loro diffusione massmediale».

La mostra è un omaggio al lavoro dei grandi maestri che hanno creduto e credono ancora nella responsabilità culturale che investe il lavoro del progettista grafico.
Sono esposte 30 segnature tipografiche (monografie in sedicesimi), che analizzano artefatti comunicativi e pensiero di un protagonista del design della comunicazione italiano ed internazionale che, attraverso il progetto grafico con impegno, responsabilità, etica e militanza, ha avversato l’inquinamento visivo a favore di una cultura di progetto.

Protagonisti della comunicazione visiva in mostra:
Otl Aicher, Giovanni Anceschi, Josef Albers, Erberto Carboni, Saul Bass, Claudio Bettini, Antonio Boggeri, Josef Müller-Brockmann, A G Fronzoni, Adrian Frutiger, Karl Gerstner, Milton Glaser, Franco Grignani, Max Huber, Giancarlo Iliprandi, Italo Lupi, Armando Milani, Bruno Monguzzi, Bruno Munari, Ilio Negri, Bob Noorda, Giovanni Pintori, Paul Rand, Aleksandr Rodčenko, Leonardo Sonnoli, Albe Steiner, Armando Testa, Massimo Vignelli, Carlo Vivarelli, Heinz Waibl.

Studenti in mostra del Biennio specialistico in Graphic Design—Editoria dell’Accademia di Belle Arti di Catania:
Maria Nora Arnone, Concetta Faraci, Antonino Garozzo,
Federica Giandinoto, Marco Giannì, Isabella Gliozzo, Dario Iannì, Francesca Lembo, Enza Maria Leonardi, Davide Leone, Federica Marino, Cristiana Meo, Alessia Miano, Enrica Murabito, Giovanni Pantè, Mauro Privitera, Claudia Puglisi, Giulia Quattrone, Alessia Raiti, Luigi Romano, Tommaso Russo, Francesca Sanfilippo, Federica Santamaria, Simone Saporita, Domenico Sellaro, Roberta Marcella Scalia, Vincenza Sciacca, Iolanda Scionti, Serena Talamona.


 

La grafica è là dove la cultura si fa editoria
17—24 giugno 2017
Catania - Zo centro culture contemporanee Piazzale Asia, 6
Orari mostra martedì—domenica ore 19.00–23.00 ingresso libero

Con il patrocinio di:
Aiap, Associazione italiana design della comunicazione visiva

Informazioni:
Accademia di Belle Arti di Catania
via del Bosco, 34/a
T. +39 095 2865429
F. +39 095 2191409
www.accademiadicatania.com

 


(19 giu 2017 )


 

apri

 

download:

links:



Aiap
via Ponchielli, 3
20129 Milano

19 ottobre 2017

Cerca:


AIAP facebook page AIAP youtube channel