Notizie

cerca

Vestire il libro

Maestri della grafica editoriale italiana (1945-2000)
Collezione Elia Barbiani - Giorgio Conti

a cura di Andrea Tomasetig

17 gennaio - 8 febbraio 2009
Biblioteca Comunale di Gorgonzola (Milano
)
via Monte Nero 18 - MM2 Gorgonzola

Inaugurazione
sabato 17 gennaio 2009, ore 17.30

Dopo il folgorante debutto all’inizio del secolo scorso della rivoluzione tipografica futurista e la sua influenza decisiva sulla modernizzazione della grafica tra le due guerre, il genio di Bruno Munari rappresenta nel dopoguerra il punto più alto raggiunto, ma non comprende né esaurisce tutta la vicenda della grafica editoriale. È merito di Elia Barbiani e Giorgio Conti avere per la prima volta ricostruito con metodo e scientificità di studiosi e con la passione di collezionisti la ricchissima trama che fa dell’Italia la più straordinaria fucina al mondo nel settore.
Oggetto di ricerca e documentazione dei due bibliofili sono le sovraccoperte e copertine dei libri, stampati in Italia dal 1945 al 2000, che attestano il passaggio dalla tipografia (quando la leggibilità era affidata alle competenze dell’editore/tipografo) alla grafica editoriale (ossia ad una progettazione visuale complessa – estetica e comunicativa – dell’ “oggetto libro”). Il risultato del loro paziente lavoro sono 3.000 volumi ben distribuiti al loro interno tra i protagonisti dello stile italiano e le case editrici più significative, presenti complessivamente con oltre 100 voci.

È una collezione unica in Italia per organicità e dimensioni, di cui viene esposta per la prima volta una selezione. La mostra, ideata dal libraio antiquario milanese Andrea Tomasetig e realizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Gorgonzola in collaborazione con il Sistema Bibliotecario Milano Est, presenta 150 libri. L’attenzione è rivolta tutta alle copertine create da quindici grandi grafici: dai maestri Bruno Munari e Albe Steiner a John Alcorn, Fulvio Bianconi, Bruno Binosi, Mimmo Castellano, Pierluigi Cerri, Giulio Confalonieri, Silvio Coppola, Mario Dagrada, Anita Klinz, Enzo Mari, Mario Mariotti, Studio Unimark (Bob Noorda - Massimo Vignelli - Salvatore Gregorietti), Ferenc Pintér.
Dalla mostra e dalla collezione la grafica editoriale emerge come punto di forza del made in Italy, accanto al design e alla moda, non solo da un punto di vista estetico ma anche per l’educazione del gusto del pubblico. Le case editrici e gli editori più illuminati, come sostengono Elia Barbiani e Giorgio Conti, “sono riusciti a dare un apporto educativo al gusto visivo delle generazioni del dopoguerra, molto più di quanto possano averlo fatto molti musei o mostre d’avanguardia”.
La raccolta Barbiani-Conti ambisce a dar vita (insieme alla collezione Gianni Manzo, imperniata sui capolavori del libro futurista e delle altre avanguardie, e insieme all’archivio editoriale di Bruno Munari riunito da Giancarlo Baccoli) al primo Museo del libro e della lettura in Italia interamente dedicato al Novecento. Milano è la sede ideale del progettato Museo perché è la città di Marinetti e del futurismo, perché è la città di Bruno Munari e perché, infine, è il riconosciuto centro dell’editoria italiana, il luogo aperto e creativo in cui confluivano i migliori talenti da tutto il mondo. Il libro si candida ad essere lo strumento più raffinato di promozione culturale in vista dell’Expo 2015, la grande occasione per presentare al mondo il made in Italy e la sua capitale, Milano.

Informazioni mostra:
Orari: da martedì a domenica ore 9.30-12.30 e 14.00-18.30
Visite guidate per le scuole su prenotazione
(Biblioteca: tel. 02 9515698)

Informazioni al pubblico:
Biblioteca Comunale di Gorgonzola: tel. 02 9515698
Sistema bibliotecario Milano Est: tel. 02 95712871
www.bibliomilanoest.it

Ufficio stampa:
Margherita Baleni, Silvia Conti


(12 gen 2009 )


 

apri

apri

apri

apri

apri



Aiap
via Ponchielli, 3
20129 Milano

14 dicembre 2017

Cerca:


AIAP facebook page AIAP youtube channel