cerca: 

Ultimi arrivi:

special offer


20.00 EUR
18.00 EUR per i sociAiap
› acquista

Aiap edizioni, Milano, 2003
isbn:
inventario:

Progetto grafico 02

dicembre 2003

Che relazione potrà mai esserci tra limmagine qui accanto e quanto segue nelle pagine successive? Quello che si vede sembra essere un service, una copisteria: tra le altre la scritta “Studio grafico”. Limmagine sembrerebbe suggerire che, almeno ai nostri occhi, la dizione a noi così a cuore sia usata in modo improprio ma come si sa una foto non vale cento parole, e quindi va a sapere. Quello che viene fatto, progettato e prodotto in quel luogo non lo conosciamo e forse lì dentro sono proposte cose di qualità, cioè utili, progettate con cura, in tempi stretti a prezzi ragionevoli. Magari lì dentro attaccata al muro cè la Carta del progetto grafico e cè qualcuno che, tanto per fare qualche esempio, spesso progetta consapevolmente dei pittogrammi sapendo molto su Otto Neurath e il design dell′informazione [è largomento della sezione che apre questo numero (a pagina 6), curata da Mario Piazza e Daniele Turchi] ed è molto attento alle tematiche relative allapprofondimento e divulgazione della storia [a questo argomento è affidata la sezione cyan con un articolo di Anna Steiner e una serie di interventi curati da Gianfranco Torri] oppure, sempre per fare un esempio sa tutto sulla grafica del Sessantotto [Giovanna Vitale a pagina. 156]. E così via e solo per fare qualche esempio. E allora. Non cè una legge che autorizzi o proibisca a qualcuno di fregiarsi del titolo di grafico o progettista grafico [Graphic designer] né a una società di definirsi “Studio grafico”: lunica possibile legittimazione la dà il mercato, e il mercato bada alla qualità intesa più o meno come il mix di una serie di elementi tra cui quelli ai quali prima accennavamo. Con questa rivista la nostra ambizione, oltre agli intenti già elencati nel numero precedente, è contribuire ad alzare il livello, e anche la consapevolezza. Progetto grafico opera in questo senso, diffonde la cultura e linformazione sulla disciplina e le aree limitrofe per far crescere la qualità complessiva; perché pensiamo che solo da questo possa scaturire un ruolo diciamo così, professionale. Pensiamo anche però che Progetto grafico debba essere vicino alla realtà e al mondo del fare. Sicché, con lobiettivo di informare e accrescerere la qualità del nostro lavoro e quello dei nostri lettori anche questo numero di Pg è piuttosto consistente confermandosi, se non altro, la più voluminosa rivista del settore. Taglio corto, quello che pensavo di voler dire penso che più o meno si capisca; per il contenuto del numero, oltre a quanto già incidentalmente citato, rinvio al sommario nelle pagine successive e al contenuto stesso, augurando anche questa volta: buona lettura. Alberto Lacaldano

||| IN VETRINA |||||||||


Tutto Progetto Grafico


CDPG Folders


La Collana Scritture


> I manuali Zanichelli <


Segnaletica, infografica, mappe e icone


I grandi maestri


I sedicesimi di Corraini


I tessuti del Lanificio Leo disegnati da grafici


Le Magliuscole


$$$$$$$$$$$$$$$$$$
sempre verde per non restare al verde
La guida agli onorari


||| Spedizioni |||||||||

Gli ordini vengono evasi il lunedì e il giovedì.

I tempi di consegna possono variare in funzione della disponibilità dei libri in magazzino.

Per eventuali informazioni, ordini particolari o urgenze contattare aiap@aiap.it




Aiap
via Ponchielli, 3
20129 Milano

21 novembre 2017

Cerca:


AIAP facebook page AIAP youtube channel